• Comunicazionepuntodoc. Lower the top. La sfida delle piattaforme digitali, tra sovranità statuale e saperi sociali (2022) (Vol. 25)

    Questo libro, evoluzione delle dispense del corso di formazione “Media Maker”, mette a fuoco il profilo professionale di chi, per conto delle media company, propone contenuti editoriali come occasioni per la comunicazione commerciale e per le attività di marketing. I media maker non lavorano più solo nelle concessionarie, si stanno diffondendo, perché la crescita e lo sviluppo di canali TV, web, radio, social, moltiplica la ricerca delle risorse economiche necessarie. Il libro comprende capitoli dedicati a comunicazione, semiotica, tecnologia, economia, statistica, storia, diritto ed etica, dove l’autrice inserisce conoscenze, ricavate dalle sue esperienze professionali, alcune più tecniche e altre più generali. Il risultato è una visione allargata del sistema professionale, resa possibile da un approccio transdisciplinare che consente di focalizzare quanto il lavoro dei media maker abbia impatti su diversi ambiti strategici della società: i media, la crescita economica, e, nello scenario attuale, anche il raggiungimento degli obiettivi ONU 2030. Prefazione di Antonella Di Lazzaro.

    14.25 
    Aggiungi al carrello
  • Grandangolo temporale. Il metodo

    Tra l’immanente e il trascendente esiste una comunicazione in attesa di essere penetrata con i giusti strumenti. “Ti sono grata Agnese per aver potuto leggere il tuo libro, grata di poter scrivere e condividere una prospettiva che mi appartiene. Ma soprattutto sono grata di potermi specchiare nel benessere di una volontà che spiega molto bene l’allenamento per espandere la nostra mente. Vi è stato un attimo in cui un’intuizione ha invaso il mio modo di osservare la realtà, da quel momento ogni mia valutazione sulla realtà è diventata nuova, la realtà stessa si è trasformata e nulla è più stato come prima; un’intuizione che è emersa mentre dipingevo una tela già pregna di colore, come piace a me. In questa tela mi accorsi di aver terminato il nero, e mi accorsi che effettivamente erano i colori scuri quelli che utilizzavo principalmente e osservai che in effetti per far emergere la luce nel mio quadro dovevo rendere molto molto profonde le ombre: capii insomma che la luce emerge solo dalle ombre più scure”. Ora possiamo finalmente dire cos’è: il Grandangolo è uno specifico obiettivo fotografico, utilizzato da professionisti, per una caratteristica importante che possiede: è infatti in grado di avvicinare il soggetto dell’immagine (grazie ad una distanza focale minore) e nel medesimo istante di ampliare il campo della visuale (maggiore campo), cioè comprendere maggiore visuale nell’immagine fotografata. La definizione grandangolo temporale fa allora intendere da sé quale azione presuppone: quella di osservare/osservarci più attentamente e più da vicino, ma con uno spazio temporale maggiore, un maggiore cioè campo di osservazione temporale non solo spaziale. È una strategia cognitiva/intuitiva che ho iniziato ad utilizzare a studio, nello specifico parlando con donne/madri nel pieno dell’esperienza del conflitto parentale. Prefazione Elena Tempestini. Introduzione Rachel Walle. Postfazione Vincenzo Manfredi.

    10.00 
    Aggiungi al carrello
  • Best wine stars 2022. Ediz. italiana e inglese

    Da Nord a Sud, dall’Italia all’Europa, dai piccoli poderi alle aziende più strutturate: Best Wine Stars mette in risalto le stelle del vino, esaltandone la passione e l’unicità che traspare dalle storie aziendali, fino a descrivere i profumi e i sapori di ogni prodotto.

    23.99 
    Aggiungi al carrello
  • Per il pane del Reich

    Sotto i cieli di guerra la Germania è stremata dalla fame. I campi, privati dell’ombra di una spiga di grano, vivono una notte nera. Nel 1941, il Terzo Reich attacca la Russia e la speciale Unità botanica SS, al comando del tenente Heinz Raucher, segue le truppe d’invasione per fare incetta di un’enorme quantità di semi commestibili. La più organizzata pirateria botanica del secolo deve gettare letteralmente il seme di una nuova espansione imperialistica ad est degli Urali e garantire alla popolazione tedesca il pane. Raucher, giovane genetista formatosi nell’università di Yena (fulcro dell’ideologia della razza superiore), nutre un progetto grandioso: dare vita in laboratorio al seme perfetto, gloria della botanica ariana. Un seme tale da consentire alla Germania nazista il dominio botanico del pianeta. Dopo la sconfitta del nazionalsocialismo e il crollo del progetto, l’ex tenente nazista fugge con una cospicua parte del bottino. La narrazione segue il percorso dei campioni dei sette cereali fratelli, i più resistenti ed antichi della terra, che conduce dalla Russia alla Germania e, attraverso la Spagna e la Svezia, sino al Sudamerica. Scenario mondiale in quanto di un oscuro capitolo di sangue del secondo conflitto mondiale questo romanzo tratta. In Argentina Heinz Raucher, alias don Enrique Mequinez, diventa socio del ricchissimo proprietario di una sconfinata tenuta vinicola ai piedi delle Ande. Il suo sogno, però, è quello di creare nella pampa la prima banca della Scienza del grano a tutela del corredo genetico delle Graminacee. Passano i decenni e, a settantacinque anni, il destino presenta il conto al vecchio pirata di Hitler che, nel corso della sua vita, si è fatto molti nemici. I narcotrafficanti lo vogliono morto per fermare le ricerche dello scienziato sul virus che secca la pianta di coca. Gli agenti dei servizi segreti russi, le intraprendenti spie del Mossad, le Agenzie umanitarie e l’agguerrito covo dell’estrema destra tedesca riescono a fiaccare la resistenza con cui Raucher difende il suo tesoro. E la sua ultima fuga si chiude in Patagonia nel turbinoso viaggio dentro le memorie del proprio passato, nel delirante incontro con e ombre di chi più l’ha amato e più l’ha odiato.

    19.00 
    Aggiungi al carrello
  • Sapresti uccidere? Trilogia l’assassino che non disturba

    È una storia italiana, in cui pochi ci guadagnano, molti ci rimettono e tutti gli altri credono di essere gli unici ad aver capito tutto. Un serial killer si aggira per Modena, ma gli abitanti non sono spaventati, anzi lo acclamano, perché le sue vittime sono gli odiati membri della cosiddetta casta. Politici, speculatori, giudici e altre personalità considerate intoccabili, chiacchierati per le loro condotte discutibili, verranno perseguitati da questo nuovo principe delle tenebre. Inizierà una stagione di vendette, cavalcata dagli imprenditori dell’odio, determinati ad approfittare del consenso che l’assassino riscuote presso i cittadini, indifferenti all’imbarbarimento che potrebbero causare.

    15.00 
    Aggiungi al carrello
  • Italia comunicante. Pensieri molto liberi sul mondo della comunicazione

    Ma poi cosa è la buona comunicazione: quella che segue le regole, non di rado ambigue, della correttezza o quella che fa vincere? Questo libro di pensieri molto liberi, avvincente e ritmato come un romanzo breve, racconta con ferrigna franchezza realtà e mitologia, riti linguistici e proclami autoreferenziali del mondo della comunicazione. Un mondo sempre più centrale, nel bene e nel male, nelle dinamiche del paese. E insieme racconta come comunicare sia un mestiere onorevole, indispensabile alla democrazia e alla prosperità economica, e come in Italia in tanti lo esercitino con deontologia, professionalità e onestà intellettuale. Il mondo della comunicazione in Italia conosce la buona, la mola e lo malissimo comunicazione. Conosce la commedia dell’ arte di tanto giornalismo televisivo e non; le contorsioni equilibriste della crisis communication e degli uffici stampa; le finzioni degli influencer; lo strapparsi le vesti enfatico e inutile sulle fake news. Conosce le corse terrorizzate al taglio dei costi; l’enfasi sulla responsabilità sociale dell’impresa che sembra stia bene su tutto meno che sul lavoro; i miti verbosi sul cambiamento epocale che ogni trimestre partorirebbe un mondo nuovo; le ansie per il posto di lavoro e i giochi di potere intorno al tavolo cliente-agenzia. E conosce le capacità, le fatiche e l’impegno per cercare di fare le cose per bene.

    14.00 
    Aggiungi al carrello
  • From one person to another. Da persona a persona. Cos’è e come si fa la pubblicità. Manuale per una comunicazione efficace

    Questa pubblicazione fa parte di una serie di classici senza tempo indispensabili per capire l’evoluzione del linguaggio pubblicitario. John O’Toole si rifà, tra gli altri, agli scritti di John Hopkins, uno dei primi copywriter strategici della storia insieme a John E. Kennedy. Hopkins lavorava alla Lord & Thomas, che fu diretta per anni dal leggendario Albert Lasker (da un dialogo di quest’ultimo con John E. Kennedy nasce la definizione di pubblicità come “salesmanship in print” ripresa anche da O’Toole nel libro). E proprio la Lord & Thomas, ceduta da Lasker ai suoi tre top manager Foote, Cone e Belding, diventa la FCB: agenzia dove il nostro John O’Toole lavorerà per tre decadi, entrando come copywriter sotto Fairfax Cone, cui il libro è affettuosamente dedicato, e concludendo la carriera da presidente e chairman, dopo essere stato per anni direttore creativo “and various other things”, come amava dire. Con From One Persone To Another, pubblicato in origine solo per i collaboratori della FCB, O’Toole sviluppa diversi concetti dei grandi pubblicitari della sua epoca, ma ne approfondisce e fa suo soprattutto uno: la comunicazione da persona a persona. Si vende sempre a una persona La tesi di John O’Toole è semplice: non si vende a una folla indistinta, bensì sempre a una persona. Pensiero ripreso da David Ogilvy con la famosa frase: “II consumatore non è stupido. Il consumatore è tua moglie”. O’Toole va però oltre, mettendo a punto un vero e proprio sistema per ottenere una comunicazione pubblicitaria che funziona. L’imperativo per tutti i collaboratori della FCB era “Know The Consumer Better”: per conoscere meglio il consumatore, ogni buon pubblicitario doveva uscire dalla sua cerchia di colleghi e frequentare la gente comune. Anche le idee andavano testate in strada, sui mezzi pubblici, al bar, non chiusi in agenzia. I dodici capitoli del libro approfondiscono quelli che, secondo O’Toole, sono i punti cruciali di una comunicazione efficace (strategia, idea, esecuzione) insieme ad altri temi portanti come il valore delle ricerche di mercato e lo studio del potenziale cliente. Partendo dalle basi tracciate dai suoi predecessori, O’Toole vuole dunque arrivare a una visione matura e sistemica della comunicazione. La lettura di questo manuale è utile a tutti coloro che si interessano di advertising. Ora, forse, più che mai. Il web infatti rende semplici e immediate operazioni che una volta erano lente e costosissime, come ad esempio i test e le ricerche. Le strategie alla base della comunicazione e i bisogni delle persone di oggi sono però ancora gli stessi che tratta O’Toole. Qui sta la modernità del libro da persona a persona, finalmente disponibile in traduzione italiana. Presentazione di Giorgio Brenna, FCB Partners.

    15.00 
    Aggiungi al carrello
  • Il popolo nuovo

    Nei nostri brevissimi tempi storici (poco più di due millenni), l’umanità sociale non ha fatto che concentrarsi sul potere. In tali tragiche vicessitudini hanno operato con grande vigore critico Niccolò Machiavelli, Jean Jacques Rousseau, giacomo leopardi e Antonio gramsci.

    9.90 
    Aggiungi al carrello